«LA GRANDE SCOMMESSA», UN FILM DI ADAM MCKAY

Quaderno 3977

pag. 502 - 504

Anno 2016

Volume I

Wall Street, 2008. Un gruppo di operatori finanziari, avendo previsto con un certo anticipo l’imminente crollo del mercato immobiliare, invece di scommettere sulla capacità dei fruitori di mutui a rischio di onorare i loro debiti, scommettono sul crollo dei prezzi delle case, e dunque sul crollo del sistema finanziario fondato sui cosiddetti «prodotti derivati».

Mentre le istituzioni finanziarie, il cui comportamento è stato alla base della crisi, vengono salvate con il denaro pubblico, milioni di individui perdono la casa, il lavoro e la stabilità economica, travolti da una catastrofe i cui effetti si fanno ancora sentire.

Acquista il Quaderno

CRISI FINANZIARIA E SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE

Qualunque sia la qualifica attribuita alla crisi — crisi petrolifera negli anni Settanta, crisi del debito pubblico negli anni Ottanta,crisi del debito privato negli anni Novanta, crisi del credito oggi —, essa porta con sé sempre effetti negativi collaterali,fuori dei...