LA DEONTOLOGIA DEI GIORNALISTI

Quaderno 3959

pag. 461

Anno 2015

Volume II

13.06.2015

La deontologia (dal greco to deon «il dovere» e logos «scienza») per i giornalisti è un obbligo o una responsabilità? L’articolo distingue i tre piani interpretativi su cui si basa la deontologia. La sua crisi nasce dal limitarsi sul «cosa» si deve osservare. Invece è soprattutto la formazione e l’onestà di «chi» la deve osservare e «verso dove» la si deve orientare (la costruzione della democrazia della giustizia sociale ecc.) a rifondare il suo significato. Le pratiche di comunicazione in Rete richiedono di ripensare i diritti e doveri per chi comunica. La deontologia ha bisogno di condizioni politiche che assicurino l’indipendenza della professione con una retribuzione degna, che l’accordo sull’equo compenso — che ha ulteriormente diviso l’Ordine dal sindacato — non sembra garantire. Si propone di riunire in un Codice i principi contenuti nei 15 Codici esistenti.

Acquista il Quaderno