LA COMUNIONE DEI CELIACI E DEI SACERDOTI «ASTEMI»

Quaderno 3651-3652

pag. 275

Anno 2002

Celiache sono le persone costrette ad astenersi totalmente da tutto ciò che ha attinenza con un componente del grano e di altri cereali: il glutine. Come persone malate di questo morbo, che può essere mortale, possono ricevere l’ostia consacrata, confezionata appunto con farina di frumento? In che misura il glutine è necessario per una buona panificazione? Questi sono alcuni degli interrogativi che si pongono, presentando le nuove disposizioni della Chiesa per la comunione dei celiaci. Nello stesso tempo si espongono le nuove indicazioni circa la possibilità di consacrare il «mosto» al posto del vino e la normativa che riguarda sia la consacrazione sia la comunione dal calice. Ci si interroga, infine, in che misura la Chiesa ha autorità d’intervenire sulla «materia» sacramentale (pane e vino), senza alterare la sostanza dell’Eucaristia.

Acquista il Quaderno