LA CATASTROFE UMANITARIA NEL NORD KIVU

Quaderno 3805

pag. 77

Anno 2009

Volume I

L’8 e il 9 dicembre dello scorso anno a Nairobi (Kenya), si è tenuto il primo incontro tra i ribelli del Consiglio nazionale per la difesa del popolo dell’ex-generale Laurent Nkunda e il Governo del presidente della Repubblica Democratica del Congo Joseph Kabila. L’incontro si è concluso con l’impegno di proseguire nelle trattative. Il capo ribelle «ha vinto» i colloqui diretti dopo aver provocato, a partire dal 28 agosto scorso, una feroce crisi umanitaria: oltre 250.000 sfollati, dei quali circa 30.000 sono fuggiti in Uganda. Le forze armate congolesi sono state incapaci di difendere la popolazione civile, e la Missione delle Nazioni Unite (Monuc) è riuscita soltanto a impedire l’escalation di violenze. Il Segretario generale dell’Onu ha chiesto, per ora inutilmente, all’Unione Europea, l’invio di forze armate speciali nell’attesa che venga dispiegato un contingente aggiuntivo di caschi blu.

Acquista il Quaderno

«Dio è più forte»

Dal 25 al 30 novembre 2015 Papa Francesco ha compiuto il suo primo viaggio in Africa toccando tre Paesi: Kenya, Uganda e Repubblica Centrafricana. È stato un viaggio nel quale sono risuonati alcuni temi chiave di questo pontificato: la visita...