L’0BIEZIONE DI COSCIENZA

Quaderno 3728

pag. 145

Anno 2005

Volume IV

L’obiezione di coscienza è il rifiuto, da parte di un singolo o di un gruppo, di un dovere di diritto pubblico, come il servizio militare obbligatorio, ma è insieme la testimonianza di un valore ritenuto superiore. Si pone la questione se si debba obbedire alla legge positiva o alla legge morale. Già per san Tommaso la fonte del diritto non è l’autorità, ma la coscienza individuale o collettiva. Questo è generalmente riconosciuto dalle legislazioni moderne, che autorizzano in determinati casi l’obiezione di coscienza. L’Autore insegna alla Facoltà di Diritto canonico dell’Università Gregoriana (Roma).

Acquista il Quaderno