IL RELATIVISMO DI NIETZSCHE

Quaderno 3860

pag. 147

Anno 2011

Volume II

La posizione filosofica di Nietzsche, che alcuni considerano relativismo, è da lui definita «prospettivismo». Per il relativista la conoscenza non è assoluta ma relativa a una persona; per Nietzsche dipende dal «punto di vista». Nell’evoluzione del suo pensiero ci sono vari momenti: non c’è nessuna verità; le prospettive possono essere diverse e complementari; le convinzioni sono sottratte al controllo razionale; l’emotività influisce sui comportamenti morali. In polemica con Kant critica la pretesa della ragione di avere un valore universale. L’Autore è professore nella Facoltà di Filosofia della Pontificia Università Gregoriana (Roma).

Acquista il Quaderno