IL PROCESSO DI PACE IN COLOMBIA

Quaderno 3952

pag. 365

Anno 2015

Volume I

Cinquant’anni dopo lo scatenarsi della violenza, la guerriglia delle Forze armate rivoluzionarie di Colombia (Farc) e i delegati del Governo colombiano si sono incontrati prima a Oslo, poi a L’Avana, per cercare insieme una nuova strada verso la pace. Ci sono buone speranze che il conflitto che contrappone le Farc al Governo colombiano possa finire. Il processo di pace beneficia in particolare sia della crescita economica che si è avuta negli ultimi sette anni in Colombia, sia del sostegno di una nuova generazione di colombiani. Perché sfoci in una autentica riconciliazione nella giustizia, è bene che si attuino nel Paese serie riforme sociali. E nello stesso tempo il sistema giudiziario colombiano deve essere pronto a non lasciar spazio all’impunità, fonte di vendette e di nuove violenze. Tutto questo comporterà un grande sforzo sociale, nel quale il perdono, la riconciliazione, la giustizia e la verità dovranno trovare il loro posto sia per far progredire la costruzione della pace, sia per evitare nuovi scontri.

Acquista il Quaderno

COLOMBIA: LA RIFLESSIONE DI UN TESTIMONE. La crisi, la pace e la Chiesa

Comprendere l’attuale congiuntura colombiana non è agevole. L’articolo richiama l’attenzione sul dramma del conflitto armato e sulla difficoltà per superarlo, e offre l’analisi del testo e del contesto degli accordi di pace, proponendo un percorso per favorire la riconciliazione. Infine...