IL PADIGLIONE DELLA SANTA SEDE ALLA 56 BIENNALE DI VENEZIA

Quaderno 3983

pag. 497 - 501

Anno 2016

Volume II

Com’era accaduto in occasione della 55a Biennale di Venezia (cfr Civ. Catt. 2013 IV 183-189), anche nella 56a edizione il padiglione della Santa Sede è stato allestito con opere di autori che traggono ispirazione dalle pagine della Bibbia. «In principio… la Parola si fece carne».

La colombiana Monika Bravo compone e scompone immagini nelle quali la parola, ancora muta, va alla ricerca della propria fonazione. La macedone Elpida Hadzi-Vasileva propone installazioni composte di materiale organico per segnare il punto limite nel quale la carne si rende permeabile alla presenza dello spirito. Il fotografo mozambicano Mário Macilau traduce in immagini la dura realtà da lui sperimentata per le strade del suo Paese e in quelle del mondo.

Acquista il Quaderno

«LE ULTIME TROMBE»? Uno Sguardo alla 56a Biennale d'arte di Venezia (2015)

Anche la 56a Biennale fa parlare di sé, a iniziare dal titolo: All the World’s Futures. Quest’anno, Okwui Enwezor, curatore dell’Esposizione, pone l’arte di fronte al compito di affrontare il futuro del mondo, guardando alle fratture più profonde del nostro...

LA 55a BIENNALE DI VENEZIA (2013). IL SAPERE NELLA PAROLA E NELL'IMMAGINE

Per focalizzare la condizione dell’uomo moderno investito dalle immagini, il Direttore della Biennale è ricorso al termine chiave «enciclopedia», ponendo questa parola a titolo dell’esposizione centrale: Il Palazzo Enciclopedico. Quest’anno c’è stata una crescita dei contributi nazionali, che sono saliti...

...PER APRIRE GLI OCCHI. Annotazioni sulla 54a Biennale di Venezia (2011)

L’articolo intende presentare alcuni artisti che partecipano alla 54a Biennale d’arte di Venezia. La direttrice, Bice Curiger, con la parola ILLUMInazioni suggerisce agli artisti un tema di fondo, che collega l’antico e il nuovo, il tradizionale e il rivoluzionario. Si...

LA 53a BIENNALE DI VENEZIA

La Biennale d’arte di Venezia quest’anno si distingue da quelle precedenti, grazie anche alla mano felice del direttore, lo svedese Daniel Birnbaum. Il titolo Making Worlds (Fare mondi) indica, in maniera discreta ma anche consapevole, il bisogno di creare propri...