IL MEZZOGIORNO TRA MAGIA E RELIGIONE

Quaderno 3754

pag. 357

Anno 2006

Volume IV

Nel volume presentato* l’A. respinge l’idea, oggi abbastanza comune, che la religione delle popolazioni meridionali fosse essenzialmente folkloristica e magica, pur riconoscendo che non mancavano in essa infiltrazioni magiche e superstiziose. Respinge, poi, l’idea che la magia e la superstizione fossero una prerogativa del Mezzogiorno, e non, invece, un fatto comune a tutte le popolazioni europee.* G. M. VISCARDI, Tra Europa e «Indie di quaggiù». Chiesa e cultura popolare nel Mezzogiorno (secoli XV-XIX), Roma, Storia e Letteratura, 2005, 456, € 54,00.

Acquista il Quaderno