IL FUTURO DELLA SOLIDARIETÀ EUROPEA. UNA RIFLESSIONE SULLA DICHIARAZIONE SCHUMAN

Quaderno 3989

pag. 350 - 362

Anno 2016

Volume III

Il 9 maggio 1950 Robert Schuman, ministro degli Esteri francese, lesse, davanti a un centinaio di giornalisti, il documento che avrebbe portato il suo nome.

Questo articolo esamina la Dichiarazione Schuman in opposizione al background di due documenti precedenti: l’Atto di Abiura olandese (1581) e la Dichiarazione di Indipendenza americana (1775). Questi due documenti sono pietre miliari nell’affermazione della libertà politica e dello Stato-nazione democratico. Sono un appello alla solidarietà nazionale, mentre la Dichiarazione Schuman è un appello non a negare le fedeltà nazionali, ma a guardare al di là di esse. Il suo scopo fondamentale è contenuto nelle parole iniziali: «pace mondiale».

Acquista il Quaderno