«IL FIGLIO DI SAUL», UN FILM DI LÁSZLÓ NEMES

Quaderno 3981

pag. 297 - 300

Anno 2016

Auschwitz 1944. La «fabbrica della morte» funziona a ritmo sostenuto con criteri industriali. Un prigioniero ebreo di nome Saul Ausländer crede di riconoscere in un ragazzo, estratto «miracolosamente» vivo da una camera a gas e subito soffocato da un medico che gli stringe le mani attorno alla gola, il cadavere di suo figlio.

Saul, la cui vita si era svuotata di senso, trova improvvisamente un compito da svolgere: salvare quel corpo dai forni, trovare un rabbino che reciti il Kaddish e seppellirlo. Non è che un delirio, nel quale tuttavia si manifesta un palpito di umanità che sembra quasi irreale nel regno dell’inumano.

Acquista il Quaderno

ELIE WIESEL, LA NOTTE DELLA «SHOAH»

All’età di 87 anni, è morto lo scrittore Elie Wiesel. Aveva vissuto la notte dell’orrore nel campo di concentramento di Auschwitz e aveva atteso dieci anni prima di raccontarla. Poi non ha più smesso di farlo. Il suo primo libro,...