IL CONTRIBUTO DI YVES-MARIE CONGAR ALL’ECUMENISMO

Quaderno 3716

pag. 126

Anno 2005

Volume II

Entrato nell’Ordine domenicano a 21 anni, Y.-M. Congar (1904-95), sacerdote nel 1930 e destinato all’insegnamento della teologia, prigioniero e internato durante la seconda guerra mondiale, caduto in sospetto come altri noti teologi negli anni Cinquanta, chiamato poi a partecipare al Vaticano II, fu infine creato cardinale nel 1994, un anno prima della sua morte. La sua «teologia al servizio del popolo di Dio» (come è stata definita) è incentrata sulla Chiesa come «comunità dei credenti» e come «Chiesa dei popoli», in una visione nuova dell’ecumenismo fondata sul riconoscimento dei valori presenti nelle diverse confessioni religiose. L’Autore è professore di Teologia fondamentale all’Università di Innsbruck.

Acquista il Quaderno