DUE STORICI FRANCESI SUL FUTURO DEL CRISTIANESIMO

Quaderno 3835

pag. 3

Anno 2010

Volume II

Specialmente per effetto della cultura tecnoscientifica, monta in alcuni la persuasione che il cristianesimo e la Chiesa stiano vivendo la loro fase terminale. Il cristiano formato sa quanto vale una previsione di questo genere. Il credente più semplice avverte invece turbamento e disorientamento. L’articolo descrive l’opinione di due illustri storici, Jean Delumeau e René Rémond, che, da angolazioni diverse e convergenti, smentiscono quella previsione. D’altro canto, sul piano individuale come sul piano collettivo, un atteggiamento disfattista per quel che riguarda l’avvenire di Dio nell’anima degli uomini e in particolare nell’anima dei cristiani costituisce il vero tarlo all’interno della Chiesa. Sempre restando il futuro il segreto di Dio.

Acquista il Quaderno