DON FRANCESCO BONIFACIO, MARTIRE DELLE FOIBE

Quaderno 3802

pag. 357

Anno 2008

Volume IV

Lo scorso 4 ottobre l’istriano don Bonifacio — el santin, come lo chiamavano fin dal seminario — è stato beatificato da mons. Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, nella cattedrale di San Giusto a Trieste: quella stessa che nel lontano 1936 lo aveva visto ricevere l’ordinazione sacerdotale. L’articolo ripercorre le varie tappe della sua vita breve ma apostolicamente ricca, indugiando poi sulla tragica conclusione a opera dei miliziani titini: finito con due coltellate alla gola, il cadavere venne gettato nella foiba della campagna di Grisignana. Don Bonifacio fu ucciso in odium fidei perché sacerdote, uomo di Dio, che godeva di molto ascendente sulla popolazione e quindi costituiva un ostacolo per le mire degli occupanti.

Acquista il Quaderno