Kohtla Jarve, Estonia

DISCERNERE E ACCOMPAGNARE. LE INDICAZIONI DELL’«AMORIS LAETITIA»

Quaderno 4015

pag. 11 - 23

Anno 2017

Volume IV

ABSTRACT – Il Padre ama suo Figlio – dice il filosofo Romano Guardini – come «il concreto vivente» e, in Cristo, ama singolarmente ciascuno e ciascuna di noi come «concreti viventi», nella nostra propria unicità irripetibile. A ciò non può corrispondere in morale una mera casistica univoca e astorica, ma nemmeno una morale equivoca e relativista «di situazione». Quel che è richiesto è un accurato discernimento, come quello che propone l’Esortazione apostolica Amoris laetitia. Un discernimento personale, accompagnato da un discernimento pastorale ecclesiale che lo confermi, al fine di trovare la volontà del Padre, secondo Cristo come ultimo criterio, alla luce e attraverso la forza dello Spirito Santo.

Per quanto riguarda il discernimento personale, seguendo il procedere ignaziano – che può apparire ovvio nella scelta dello stato di vita o in decisioni importanti – il Papa ci esorta ad applicarlo in tutti i casi, anche e soprattutto nei più difficili. Questi ultimi infatti non si risolvono tramite la mera applicazione sillogistica di una norma, ma si riferiscono a situazioni che si verificano in mezzo a limiti, condizionamenti e contingenze storiche – psicologiche, culturali, sociali e perfino biologiche – che richiedono appunto discernimento.
In nessun modo si tratta di cambiare la dottrina sulla castità prematrimoniale o sull’indissolubilità del matrimonio cristiano, bensì di ricomprenderne le conseguenze, anzitutto rispetto a ciò che è stato chiamato «stato di peccato». Va riconosciuto che, sebbene tale stato si dia oggettivamente, ciò non implica in modo automatico che chi lo vive sia privato sempre della grazia di Dio. In questo senso, si può giungere a riconoscere che una determinata soluzione, risultato di un discernimento, «per il momento è la risposta generosa che si può offrire a Dio, […] benché non sia ancora pienamente l’ideale oggettivo» (AL 303).

Ovviamente, non si esclude la possibilità dell’autoinganno. Perciò vengono ricordate l’esigenza dell’accompagnamento ecclesiale e la convenienza di ascoltare i maestri spirituali nei loro consigli e regole di discernimento. La Chiesa non lascia sole le persone in queste situazioni affidate alla loro coscienza, ma le accompagna da madre e maestra nella loro responsabilità cristiana libera davanti a Dio.

Francesco riconosce che a questo riguardo «due logiche percorrono tutta la storia della Chiesa: emarginare e reintegrare», e tuttavia soltanto la seconda risponde allo spirito del Vangelo. Al contrario, quanti seguono la logica dell’emarginazione e dell’esclusione possono anche affermare qualcosa la cui formulazione astratta è ortodossa, e tuttavia, per l’atteggiamento che assumono nel comunicarla, stanno di fatto trasmettendo – forse senza averne l’intenzione – un messaggio concretamente contrario allo spirito del Vangelo.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4015.

Acquista il Quaderno

«Gesù non impone mai»

ABSTRACT – Come ha scritto il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo, l’Amoris laetitia ricorda anzitutto e soprattutto la misericordia e la compassione di Dio, e non soltanto le norme morali e le regole canoniche degli uomini. In che modo, per...

CONVERSAZIONE CON IL CARDINALE SCHÖNBORN SULL'«AMORIS LAETITIA»

Più volte Papa Francesco ha affermato che il card. Christoph Schönborn ha colto bene e correttamente comunicato il significato dell’Esortazione apostolica Amoris laetitia. Per questo il nostro direttore lo ha intervistato in una conversazione ampia e distesa. Emergono tutti i...

LA SFIDA DEL DISCERNIMENTO IN «AMORIS LAETITIA»

La parola «discernimento» occupa un posto determinante nell’impianto dell’Esortazione apostolica postsinodale di Papa Francesco sulla famiglia Amoris laetitia. Francesco usa parole molto forti al riguardo: «È meschino soffermarsi a considerare solo se l’agire di una persona risponda o meno a...

«Amoris laetitia» e il rinnovamento del linguaggio ecclesiale

Amoris laetitia è un avvenimento linguistico. Qualcosa è cambiato nel discorso ecclesiale. Per questo è interessante riflettere sul linguaggio familiare con cui il Papa dà forma alla sua Esortazione. Per parlare della famiglia e alle famiglie, il problema non è...