CIRCONCISIONE, CROCE DI CRISTO, VITA CONSACRATA

Quaderno 3974

pag. 125 - 139

Anno 2016

Volume I

In un precedente articolo si è visto come le istituzioni essenziali di Israele — circoncisione, sabato, kashrut e tempio — obbediscano tutte alla stessa logica: la rinuncia alla totalità, per potersi aprire all’altro e al Totalmente Altro.

Con la sua morte in croce Cristo porta a compimento l’antica legge, quando rinuncia alla totalità della sua vita. Ma Cristo non è solo, e i suoi discepoli dopo di lui seguono la stessa logica della rinuncia: in modo particolare quelli che consacrano la loro vita al Signore e al prossimo, abbandonando la propria volontà nell’obbedienza, i loro beni per vivere nella libertà la povertà materiale e spirituale, rinunciando, nel celibato, al matrimonio — e di conseguenza alla paternità o maternità — per raggiungere una fecondità moltiplicata. Questa è la funzione profetica della vita consacrata.

Acquista il Quaderno

CIRCONCISIONE E CROCE DI CRISTO

Il senso della circoncisione è la rinuncia alla totalità e l’apertura all’altro: all’altro sesso e anche alla divinità. Alla stessa logica appartengono anche il sabato: come il Signore all’origine rinuncia alla totalità per lasciar posto all’uomo, così deve fare l’uomo,...