foto: Steinar Engeland

«ACCORGIMENTI PER CURARE LE MALATTIE DELL’ANIMA»

Quaderno 4003

pag. 81 - 86

Anno 2017

Volume II

ABSTRACT — Un tempo, quando il giovane gesuita, terminato il noviziato, si avviava agli studi di filosofia e teologia, gli veniva affidato, quale regola di vita, il libro ignaziano degli Esercizi Spirituali. Con esso, un libretto in latino: Industriae pro superioribus ad curandos animae morbos. Autore, il padre Claudio Acquaviva (1543-1615). Quel libretto è stato recentemente pubblicato in italiano, tradotto da Giuliano Raffo. Papa Francesco lo ha donato a ciascuno dei suoi collaboratori della Curia Romana all’incontro per gli auguri natalizi del 22 dicembre 2016.

Padre Claudio Acquaviva (1543-1615) è stato il quinto generale della Compagnia di Gesù. Sotto di lui, la Compagnia crebbe molto da un punto di vista dei numeri. Ma, cosa più importante delle opere apostoliche, durante il generalato di Acquaviva la Compagnia vide sorgere dal suo seno molti santi. È difficile non ravvisare in tale fervore di santità e di ministeri l’intensa attività di Acquaviva come superiore.

La preoccupazione costante di Acquaviva fu quella di mantenere lo spirito originario della Compagnia. Compito arduo, perché l’eccellenza spirituale generale veniva calando man mano che aumentava il numero dei membri. Sant’Ignazio stesso vedeva nella crescita numerica un pericolo possibile, tanto da confidare che avrebbe desiderato vivere più a lungo per rendere meno facili le ammissioni alla Compagnia.

Il volume ad curandos animae morbos, scritto e destinato ai superiori dell’Ordine, contiene consigli e rimedi per sanare le inadempienze, la rilassatezza, i difetti morali, spirituali e comunitari che possono oscurare e compromettere la vocazione religiosa. Talvolta, vi sono consigli e vengono proposti rimedi che forse oggi sarebbero capiti e accettati soltanto da religiosi non più giovani. Ma del trattatello resta tuttora valido l’impianto: il superiore è costituito padre della sua comunità e deve reggerla non con mentalità aziendale, ma con la pazienza, la fiducia e l’affetto, che è poi lo spirito del Vangelo.

********

«CURING THE ILLNESS OF THE SOUL»

The Italian edition of a treatise written by father Claudio Acquaviva (1543-1615), fifth general of the Society of Jesus, is here presented. Written and designed for superiors of the Order, it contains advice and remedies to heal the breach, and confront the relaxation, the moral, spiritual and community defects which can obscure and compromise the religious vocation.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4003.

Acquista il Quaderno